Parrocchia Beata Vergine Assunta

San Giorgio su Legnano

La sapienza è “vedere le cose con gli occhi di Dio, sentire con le orecchie di Dio, amare con il cuore di Dio, parlare con le parole di Dio, giudicare le cose con il giudizio di Dio”. Lo ha detto il Papa, che ha iniziato oggi un ciclo di catechesi sui sette doni dello Spirito Santo, e li ha elencati: “Sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà e timore di Dio”.

Immagini del Centro Televisivo Vaticano


“Lo Spirito Santo costituisce l’anima, la linfa vitale della Chiesa e di ogni singolo cristiano”, ha esordito il Papa, che ha tenuto la catechesi dell’udienza generale di oggi quasi interamente a braccio. “Lo Spirito Santo sempre sta con noi, sempre è in noi, è nel nostro cuore”. Ha detto il Papa: “È il dono di Dio per eccellenza, è il regalo di Dio, e a sua volta comunica a chi lo accoglie diversi doni spirituali. La Chiesa ne individua sette, numero che simbolicamente dice pienezza, completezza”. Il primo dono dello Spirito Santo è dunque la sapienza: “Non si tratta semplicemente della saggezza umana, frutto della conoscenza e dell’esperienza”, ha spiegato il Papa, ricordando che “nella Bibbia si racconta che a Salomone chiese la sapienza”. “La sapienza è proprio questo”, ha spiegato il Santo Padre : “È la grazia di poter vedere ogni cosa con gli occhi di Dio” e “non nasce tanto dall’intelligenza o dalle conoscenze che possiamo avere, ma dall’intimità con Dio”.
Fonte: AgenSir

Occorre essere loggati per inserire un commento.

Cerca